Document Type

Article

Journal/Book Title/Conference

Symposia Genetica et Biologica Italica

Volume

12

Publication Date

1-1-1963

First Page

288

Last Page

307

Abstract

Le api presentano, fra altri, un Sistema ghiandolare complesso, generalmente conosciuto come Sistema salivare, ma costituito da per lo meno tre paia di ghiandole differenti: un paio mandibolare, un paio ipofaringeo e un paio salivare propriamente detto. Queste ghiandole disimpegnano le più varie funzioni. La secrezione della ghiandola nella comunicazione (KERR e Li NDAUER 1958, 1960, e KERR 1959, 1960) delle operaie di alcuni meliponidei e nel trattamento della cera dalle operaie di Apis (ORÖZI-PAL 1957); è attiva nella regina delle Apis come sostanza di regina (GROOT VOODG e BUTLER 1956) e come arma di difesa della Trigona (O.) tataira, in accordo con quanto osservato da KERR e CRUZ (1961) . La secrezione della ghiandola ipofaringea è usata dalle operaie nutrici delle Apis e meliponidei nell'alimento delle larve giovani e della regina. Costituisce la cosidetta gelatina reale. Nelle operaie più vecchie pare che questa ghiandola passi a secernere enzimi come « invertasi » e « amilasi » (KOSMIN e KOMAROW 1932). Il paio salivare propriamente detto fu da noi così denominato: 1. per essere il paio omologò alle ghiandole salivari degli altri insetti; 2. per distinguersi dalla ghiandola di seta della larva, la quale malte volte e denominata salivar e; 3. per la localizzazione del termine del suo condotto escretore nella base della glossa, indicando che la sua secrezione è immediatamente mescolata all'alimento ingoiato dalle api. Non si conosce, tuttavia , la composizione chimica della secrezione di queste ghiandole e quale sia la sua funzione. lGLE SENT (1940) studiando Apis ha verificato che la secrezione delle ghiandole salivari conteneva « invertasi » e una sostanza capace di dissolvere la cera.

Available for download on Saturday, January 01, 2050

Included in

Entomology Commons

Share

COinS